InDesign
Architecture & Design Bureau

Anche prima di me guardavano, ed era cieco il guardare; udivano suoni, e non era sentire; li vedevi, erano forme di sogni, la vita un esistere lento, un impasto opaco senza disegno; non sapevano case – trame di cotti mattoni – inondate di sole, né il mestiere del legno; l’alloggio era un buco sotterra – come formiche sul filo del vento – nel seno di grotte cieche di sole.

News

Something about us                     

Online il Magazine #3 della Maison 57

Roberto Renzaglia "Spazio e Movimento"

Online il Magazine #4 della Maison 57

Roberto Renzaglia "Il linguaggio universale"

 

Online il Magazine #5 della Maison 57

Roberto Renzaglia "L'architettura rappresentata"

Double-click to edit text